Subsonica, il nostro viaggio a ritroso nel tempo

Esce ‘Microchip temporale’. E da marzo 2020 in tour

A vent’anni da ‘Microchip emozionale’ i Subsonica rispolverano i brani di quell’album per ‘Microchip temporale’. Il progetto discografico è quello in uscita venerdì 22 novembre e per il quale la band torinese ha coinvolto una lunga lista di colleghi, per rivedere in chiave aggiornata pezzi chiave per la carriera dei Subsonica. Con Samuel e soci si sono messi al lavoro, tra gli altri, anche Achille Lauro, Motta, Coez, Cosmo ed Elisa. Dal mese di marzo la band tornerà anche in tour, con partenza il 5 marzo da Padova.

“Abbiamo fatto un viaggio a ritroso nel tempo – hanno spiegato i Subsonica – scegliendo alcune delle voci italiane di oggi che sentiamo più vicine. Siamo riusciti, in questo modo, ad osservare la nostra storia da fuori, scegliendo di collaborare con artisti che hanno tutti un linguaggio musicale molto forte”. A mettere la voce in ‘Microchip temporale’ ci hanno infatti pensato Willie Peyote (‘Sonde’), Nitro (‘Colpo di pistola’), ma anche Elisa per ‘Lasciati’, Motta per ‘Tutti i miei sbagli’, Lo Stato Sociale sulle note di ‘Liberi tutti’ e ancora Cosmo (‘Disco labirinto’), Achille Lauro (‘Il mio DJ’). Spazio anche per le voci di Ensi che ha cantato ‘Il cielo su Torino’, Fast Animals and Slow Kids per ‘Albe meccaniche’, Miss Keta su ‘Depre’ e Gemitaiz che ha detto la sua in occasione di ‘Perfezione’. “Lavorando con altri artisti – hanno detto i Subsonica – ci siamo accorti di quanto la nostra musica sia stata un punto di riferimento anche per artisti che oggi hanno l’età nostra di allora”. Ad anticipare il lavoro al completo è stata la nuova versione di ‘Aurora sogna’, con Coma Cose e Mamakass, seguito poi da ‘Il mio DJ’ con Achille Lauro. “La nostra band – hanno spiegato – è nata nei tempi in cui c’erano ancora le grandi religioni, intese come grandi divisioni di generi musicali in cui credere. Per questo motivo alcune canzoni hanno assunto un carattere quasi sacro, come ‘Aurora sogna’. Non pretendiamo che tutti abbiano avuto lucidità per seguire i cambiamenti nella musica negli ultimi vent’anni, ma chi ci ha seguito ha capito il nostro percorso”. Con il nuovo album, i Subsonica torneranno anche in tour nei club la prossima primavera, con partenza il 5 marzo da Padova e gran finale l’8 aprile all’Alcatraz di Milano. “Non consideriamo la musica come qualcosa di intoccabile – ha sottolineato la band – perché in un certo senso scriviamo la colonna sonora della vita delle persone che ci ascoltano. Abbiamo affrontato questo progetto con leggerezza e si è sviluppata una collaborazione reciproca con i nostri colleghi, esattamente come succedeva nei nostri anni Novanta”. In occasione del tour, i Subsonica hanno assicurato che sul palco ci sarà spazio anche per numerosi ospiti del nuovo album.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email

Altre Notizie

Suburra 3, Netflix al via riprese

Atto finale disponibile nel 2020, tornano protagonisti storici Dopo il successo delle prime due stagioni, Netflix annuncia l’inizio delle riprese della terza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *